Rize Griche: il portale del grico 🇬🇷
Esegue: decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori

Cunti: O ciùri àscimo
Mia forà ikhe a ciùri c'ikhe tria pedìa.Una volta c'era un padre e c'erano tre figli.
Os èbbike mian gùscia. Gli prese una capra.
Efònase to mèa n'i pàri na fai es kampagna Chiamò il grande perché la portasse a mangiare in campagna.
vàle akkùra (skupò), ìpe, n'i kordòsi kalà, Metti cura, disse, a saziarla bene,
an dè' ti kordòsi, evò s'essazzo, se non la sazi, io ti ammazzo.
ce t'òdike (tu èdike) fsomì no fai, E gli diede pane da mangiare,
Is èdike is gùscia n'akhi ni kordòsi kalà: E diede alla capra affinché avesse da saziarla bene:
ìbbie kordomèni. Era sazia.
Eftase essu o vrai, i ròtise o ciùri: Arrivò a casa la sera, le chiese il padre:
gùscia, epài kordomèni o nistikì? Capra vai sazia o digiuna?
Epao nistikì! demèni mo scinì es to porrài, Vado digiuna! legata con la corda all'albero,
òlo sìmberi senza fài. tutto oggi senza mangiare.
Ebbike o ciùri c'èsfase o pedì-ttu. Prese il padre e ammazzo suo figlio.
T'àddhi diu estèane ecì simà, Gli altri due stavano lì vicino,
ce ìdane mòtti èsfase on adreffò-tto. e videro quando ammazzò il loro fratello.
Efònase to mezzano, t'òdike (tu èdike) Chiamò il medio, gli diete
to fsomì, ce ipe: vàle akkura n'i fèri kordomèni il pane e disse: fai attenzione a riportarla sazia,
an dè s'essàzzo pos èssazza on àddho. altrimenti ti ammazzo come ho ammazzato l'altro.
Egòmose tùo i pùnga askàddia ce diu ruàne, Riempì questo la tasca di fichi secchi e (prese) due pani,
èbbike c'ensìgnase n'i dòi na fài. prese e comincio a darle da mangiare.
I pìre essu o vrài. I ròtise o ciùri: La riporto a casa la sera. Le omandò il padre::
Gusciarèddha-mu, gusciarèddha-mu, capretta mia, capretta mia,,
epài kordomèni o nistikì? vai sazia o digiuna??
Nistikì! demèni m'o scinì es to porrai, Digiuna! legata con la corda all'albero,
òlo sìmberi senza fài. tutto oggi senza mangiare.
Ebbike ce on èsfase. Prese e lo ammazzo.
Efònase ton addho: dèla ettù, piàe tin guscia Chiamò l'altro: vieni qua, prendi la capra
ce pàre-ti na fài ce na kordòsi kalà. e portala a mangiare ed saziarsi bene.
Cio en èbbike magà o fsomì ce askàddia. Quello non prese affatto pane e fichi secchi.
Jakài, ipe o ciùri, e pianni to fsomì? Perché, disse il padre, non prendi il pane?
E ttèlo ja magà, ipe cìo; e n'i pàro Non lo voglio per niente;
na min ti doko tìpiti. la devo portare e non dargli niente.
I gùscia, kai vrai, ertomèna pòddhi kordomèni, La capra ogni sera venuta molto satolla,
pànta lèi ti pai nistikì. sempre dice che va digiuna.
Ebbie ce i ppìre es kampàgna (es tòzzu), Prese e la portò in campagna
ce in èdese in alìssio m'o scinì se to porrai. e la legò veramente con la corda all'albero.
Eftase èssu: i ròtise o ciuri: gusciarèddha-mu, Arrivò a casa: Le chiese il padre: capretta mia,
gusciarèddha-mu, pài kordomèni o nistikì? capretta mia, vai sazia o digiuna?
Nistikì! demèni mo scinì es to porrai, Digiuna! legata con la corda all'albero,
òlo sìmberi senza fài. tutto oggi senza mangiare.
Ebike ce on èsfase. Prese e lo ammazzò.
Ebike ce i pìre o ciùri: i kordose kalà. Prese e la portò il padre: la sazio per bene.
Motti i ppìre essu, i ròtise: gusciarèddha-mu Quando la riportò a case le chiese: capretta mia,
gusciarèddha-mu, pai kordomeni o nistikì? capretta mia, vai sazia o digiuna?
Nistikì! demèni mo scinì es to porrai, Digiuna! legata con la corda all'albero,
òlo sìmberi senza fài. tutto oggi senza mangiare.
Ah ìpe o ciùri, ti m'èkame! Ah, disse il padre, cosa mi hai fatto!
S'òkama (su èkama) tòsso na fai, ce ìpe Ti ho fatto tanto mangiare e hai detto
ti pài nistikì, demèni mo scinì es to porrài; che vai digiuna, legata con la corda all'albero;
c'èmine òlo sìmberi sènza fài? e sei rimasta tutto oggi senza mangiare?
In èbìke, i krèmase es to pàlo, La prese e l'appese al palo,
c'ensìgnase ni sìri o dèrma. e cominciò a tirargli la pelle.
Is t'òsire (is èsire) o derma le strappo la pelle
ce in embègliase sto kàma. e la butto al caldo.
C'i gùscia ensìgnase na pratìsi. E la capra cominciò a camminare.
Prài, prài, ìvrike a kafùrkio, Camminando, camminando trovo una tana
èmbike ecì kàu ce'essòfise j'ò pòno. entrò li sotto e morì per il dolore.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2024
© www.rizegrike.com