Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Ciuriacì 29 Martìu 2020
Indicazioni:
Vedere note in calce.
Pascali: O contadino ce o Demoni
Meh, àmo ambrò!Beh, andiamo avanti
Allòra o kontadìno o ... Allora il contadino, il ...
ùso kristianò pu ìbbie na skafsi. Quella persona che andava a zappare.
Matapàle, matapàle! Nuovamente, di nuovo!
Matapàle, matapàle Di nuovo ...
Ncignèome ... Cominciamo ...
Apompì! Da dietro!
Apompì. Da dietro.
Ekko pompì stème ce nzignùme apompì! Ecco, da dietro, stiamo e iniziamo da dietro!
Ikhe a kristianò pu ìbbie na skàfsi, C'era una persona che andava a zappare,
pu ìkhe o korafài. che possedeva un piccolo campo.
Cìo afse nìtta eskònnato Egli di notte si levava
na pài na polemìsi, sto frìsko, per andare a lavorare, al fresco,
ka depòi mòtti ègherne ìjo che poi quando si alzava il sole
ìbbie ce plàonne. andava a dormire.
Mòtti èstase kùkkia cisimà sto korafài, Quando fu vicino al podere,
ìde lumèra sta mèsa mèsa u korafìu, vide del fuoco in mezzo al campo,
ce a pedài cipàu, e un ragazzino lì sopra.
u fàni asto làrgo ka ìkhe a pedài cisimà, Da lontano gli parve che ci fosse un bambino lì vicino,
ma cìo ìpe c'ìso pedài àrte ma lui disse: quel bambino adesso
cìo cisape tis ton èfike?! chi sa chi l'ha lasciato?!
Mòtti èstase ecisimà, Quando arrivò lì vicino,
envicinètti, envicinètti, si avvicinò, si avvicinò,
ma eddunètti ka evàsta ta cèrata! e si accorse che aveva le corna!
Ah! pu nu dòi làmpo, tùo cìno ène, Ah, che lo colpisca un fulmine, questo quello è,
o Demòni ène! Beh, va bene. il Demonio è! Beh, va bene.
U t'ùpa "bongiorno" ce Gli dissi buongiorno e ...
ipe cìo: Bongiornu? Bongiornu! Disse lui: buongiorno? Buongiorno!
Ce ìpamo bongiorno èna mon àddho. e ci siamo detto buongiorno uno con l'altro.
Esalutettimòsto. Ci salutammo.
Beh, ce su ti kànni ettù ìpe o Demòni. Beh, e tu cosa fai qui disse al diavolo.
Ipe ka evò ìrta, ìpe, na se dò, Disse: che io son venuto a vederti,
na se salutèfso ìpe, na kàme a spirì amicìzia. per salutarti, per fare un po' di amicizia.
Ce pàru pàru ettòssu, ìpe cìo ìrte? E proprio qui dentro, disse lui, sei venuto?
Arte ìane o Demòni, cìo o forìato, Adesso era il Demonio, lui ne aveva di paura ...
e' tto fòriato, jakài òli ce dìo Demònia ìane, Non ne aveva paura, perché entrambi Demoni erano,
ka sia o kontatìno, cìo pùru cìo, che sia il contadino, quello pure quello,
pùru Demòni ìone o kontadìno de, anche demonio era il contadino, no,
cìo pu dì na skàfsi, ka plèon Demòni ka cìo! quello che va a zappare, che più demonio di lui!
Allòra ìpe cìo: kàscione, kàscione. Allora disse quello: siediti, siediti.
Ebbike a lisàri Prese un pietra
o mpòggefse cisimà sti lumèra, l'appoggio vicino al fuoco,
ce stèane ce kuntèane. e stavano a parlare.
Ipe o Demòni, bah, Disse il Demonio, bah,
ìpe enna se kào rìkko, ìpe! disse: ti devo fare ricco, disse!
Eh rìkko, ce evò, ìpe, na me kài rìkko, Eh ricco, ed io, disse, a farmi ricco,
ìo kalò ja mèa na me kài rìkko. Pèro, "azzo", sarebbe bello per me se mi facessi ricco. Pero,
ma ìpe cìo "se kànno rìkko, "azzo", disse lui, "ti faccio ricco,
ma però ma a ppàtto: però ad un patto:
ka enna mu dòis ti fsikhì mi devi dare l'anima
mòtti pesèni. quando morirai.
En e' ka enna pesànis àrtena, Non che devi morire adesso,
sandè pos ghènese rìkko, altrimenti come diventi ricco,
òlo nomèno? in una volta?
Ipe cìo: va bene su 'n dìo i fsikhì, Disse questi: va bene, te la do l'anima,
però però
ipe, però ìpe evò eccettèo disse, però disse io accetto
ka enna su dòko i fsikhì, a darti l'anima,
però mo pàtto ka enna vvertèfsi prìma, però con il patto che mi devi prima avvertire,
na preparettò, ìpe, de! perché possa prepararmi, disse, no!
Mi forìstu ja tùo ìpe , pensèo evò. Non aver paura per questo, disse, penso io,
O Demòni. (disse) Il diavolo.
Dòpu ka kuntèfsane ìpe: Una volta che avevano parlato disse:
beh, arte esù fìrma, beh, adesso firma tu,
vàle i fìrma ettù sto kartì, metti la firma qui sulla carta,
ka evò ìme o Demòni, che io sono il demonio,
o kapudiàvolo de!, il capo diavolo no!,
o kumandànte pu ston anfièrno. il comandante dell'inferno.
Va bene ìpe cìo. Va bene, disse lui.
Ipe, esù, ìpe, Disse, tu, disse,
pòsso khronò ìse? di quanti anni sei?
Cìo ìkhe, ipe sarànta. Egli aveva, disse quaranta.
Nde sarànta, No quaranta,
triànta, sarànta khrònu, trenta, quaranta anni,
ma enn ìone, jakài tòa ma non ce l'aveva , perché allora
epesènane pettìnta khrònu e kristianì, le persone morivano a cinquanta anni,
e' pesènane es quattruvìnti. non morivano agli ottanta.
[...] [come adesso]
Ipe, va bene, pòsson ezò, ezò, ìpe cìo, Disse, e va bene, quanto vivo, vivo, disse lui,
basta ka ezò a spirì sande depòi basta che vivrò un poco altrimenti poi
ti gotèo atti rikkèzza pu me kànni esù? che cosa godrò della ricchezza che tu mi darai?
Mi forìstu se kànno na zìsi makrèo, ìpe, Non aver paura ti farò vivere a lungo, disse,
se kànno na zìsi poddhì cerò. ti faro vivere molto tempo.
Si?,va bene, Si?!, va bene,
allòra firmèo. allora firmo!
Fìrmefse, ce saluttèttisa ce pìrtane apòte. Firmarono, si salutarono e andarono via.
E lumèra ezìsti ce o Demòni ekhàsi. Il fuoco si spense ed il demonio si perse.
Cìo, ìpe, na, o Demòni, ùtte Questi, il demonio disse: ecco queste,
ùtte akatò lìre, queste cento lire,
ma tùe, ìpe, esù enna ghettì rìkko. con queste, disse, tu devi diventare ricco.
Va bene! Va bene!
kàe kommèrciu, Datti al commercio,
kàe kommèrku ka evrìskese kalà. fai del commercio e ti troverai bene.
ka tikanè, cìo pu ìvri na voràsi, E tutto ciò che troverai da comprare,
vòraso, ce depòi pulì matapàle, compralo e poi rivendilo nuovamente,
ce in àddhi trìti epulì. e il martedì successivo (giorno di mercato) lo rivendi.
Va bene Va bene!
I protinìn emèra evòrase òrnise, Il primo giorno comprò delle galline,
dopu stin àddhi trìti poi al martedì successivo
es pùli o dòppio, le vendeva il doppio,
dìo, tris fòre, due, tre volte,
tri, tèssare forè pòsso tes ìkhe voràsonta. tre, quattro volte (in più) di quanto le aveva comprate.
Ce èkame, afse akatò lìre E da cento lire fece,
èkame prèsta prèsta khìje lìre. fece presto, presto mille lire.
"azzo!, ìpe cìo, pàme kalà!. "Azzo", disse questi, " andiamo bene!".
Matapàle epìrte sti ffèra, Andò nuovamente alla fiera,
èbbike an ampàri ce èfike diokòsce lìre, comprò un cavallo e spese duecento lire;
o pùlise es tin àddhi fèra lo vendette all'altra fiera
ce èbbike khìje lìre. e guadagnò mille lire.
"Mìnkia", ìpe cìo! "Minchia!", esclamo questi.
E' kka depòi ìkhe llimonìsonta E' che aveva dimenticato
ka ìkhe na pài es ton anfièrno, che doveva andare all'inferno,
ìkhe na pài mo demòni de!, doveva andare con il diavolo, no!,
e' pènse pròbbio ecì! non pensava proprio là!,
U t'ùbbie kalà o pràma ce [...]. le cose gli andavano bene e [...].
Nsòmma èkame tòsso tòsso ka Insomma fece tanto tanto che
ejètti rìkko devèru: diventò ricco veramente:
evòrase a palài! compro un palazzo!
Però, ìpe cìo, evò ìpe Però disse quello, io, disse,
mòtti estàzi òra, quando arriva l'ora,
Però etèlo na avvertimènto però voglio un avvertimento,
ìpe o kontatìno mòtti kàmane o cìno, disse il contadino quando fece il contratto,
na me vvertèssi. che mi avverti.
Mi forìstu, ìpe. Non aver paura, aveva detto (il demonio).
Ma, motti jètti addomìnta khronò, Quando si fece di settanta anni,
u t 'ùrte appendicìte gli venne l'appendicite
u kontatìnu, t'ùrte appendicìte, al contadino, gli venne l'appendicite,
sòrdu ìkhe, epìrte sto, sto cìno, soldi aveva, andò da quello,
pos ìggue cìo pu ..., come si chiamava quello che ...,
sto konsìjo es Màddhie, dal (dott.) Consiglio a Maglie,
cìo ìone o messère, quello era il dottore,
èkanne operazìune. faceva le operazioni (gli interventi).
Stàsi kalò! Stette bene!
Eh, va bene, stàsi kalò. Eh, va bene, stette bene.
Matapàle evòrase ce ìbbie kalà ... Nuovamente ricominciò a comprare e andava bene ...
Ikhe jenomèna rùkho, Aveva accumulato ricchezze.
Ikhe jettònta rìkko nsòmma, Era diventato ricco insomma,
ma ìkhe jettònta già rìkko. ma era diventato già ricco.
Arte ejètti addomìnta pènte khronò, Adesso divenne di settantacinque anni,
matapàle stàsi fiàkko, pormonìte, Di nuovo non stette bene: polmonite;
fiàkko na pesàni. (Stette) male da morire.
Ma depòi matapàle ìbbie kalà. Ma poi nuovamente stette bene.
Eghètti ankòra plèo mmèa. Diventò ancora più grande.
Plèo mmèa, plèo plùssio. Più grande. Più ricco.
Plèo plùssio elèi? Più ricco, dici?
Plèo mèa! Più grande!
Allòra ejètti plèo mmèa ce Allora diventò più grande e
matapàle estàsi a spirì fiàkko, nuovamente stette un poco male,
ma matapàle estàsi kalò. ma guarì nuovamente.
Allùrtimu jètti annovìnta khronò, In fine diventò di novanta anni,
ejètti annovìnta khronò, aveva raggiunto i novanta anni ...
annovìnta khronò tòa ìone novanta anni di allora erano
e dòppio pu t'àrtena, il doppio di adesso.
ma sia ejètti annovìnta khronò Comunque divenne di novanta anni
ce stàsi fiàkko devèru, pròbbio tunì forà, e stette male veramente questa volta,
jakai pìrte poddhì ambrò cìo. ché era andato molto avanti (con gli anni) lui.
Epìrte ce ... Andò e ...
Allòra o Demòni ka vàsta o lìbbro, Allora il demonio che aveva il registro,
ìpe, bah, àfi na pào na piào ti fsikhì disse, bah, lascia che io vada a prendere l'anima
cinù kontatìnu. a quel contadino.
Ebbike ce ndìsi, o Demòni pròbbio Il Demonio si vestì proprio
delùssu, ndìsi fse cinùrio, afse ciuriacì ... di lusso, si vesti a nuovo, come (si fa) di domenica,
ce tùzzefse. e bussò.
Ikhe, C'era,
ugguìke i ghinèka-tu, ka cìo in ìkhe piànta, si affacciò sua moglie, che lui l'aveva pressa,
jakài ìone rìkko ce in ìkhe piànta plèo giòvani, poiché era ricco e l'aveva presa più giovane,
[...] àrte i ghinèka de! [...] adesso, la moglie no!
Egguìke cìni: Usci quella:
- ki sei? Chi sei?
- dilli ka suntu quiddhu amiku ka ci nkontrame alla kampagma digli che sono quell'amico che incontrò in campagna
- ah si, va bene! si!, va bene!
Cìo ìpe ìu, cìo cinù de! Lui disse così a lui no!
Iu t'ùpe: cìo evrèsi cì es kampàgna. Così gli disse: quello con cui si era incontrato lì in campagna.
Ah be! Ah be! Ah beh! Ah beh!
Allòra mòtti epìrte: bongiornu! Bongiornu Allora quando entrò: Buon giorno. Buon giorno.
Cìo èmine pànta giòveno, o Demòni. Quello rimase sempre giovane, il demonio.
Cìo ìkhe ghettònta vèkkio, Lui (il contadino) era diventato vecchio,
ma o Demòni ìo pànta giòveno. ma il demonio era sempre giovane.
Paddhikàri ... Giovane..
Paddhikàri!? Paddhikari ... "Paddhicari?" "paddhicari".
Paddhikàri mòtti ìne "Paddhicàri" quando è
ka non si sposatu ankora, ma no che non sei ancora sposato, ma no
ekku, ma no giòvenu [...], Giovane! ma no, giovane [...] Giovane!
Va bene, paddhikàri! Ecco va bene,”paddhicari!“
Amo mbrò, àmo ambrò, amo Vai avanti, vai avanti..
A pràma fse cìo. Una cosa del genere.
Allòra, ìpe cìo, Allora disse quello (il demonio),
evò ìme cìo pu ìstika, io sono quello che stavo,
epìrta na se kào rìkko andai nel tuo podere
ecèssu sto koràfi-ssu, per farti ricco.
pu ìstika cisimà sti llumèra ka che stavo vicino al fuoco che..
m'ìrrie ce ènghise na kào, sentivo freddo e dovetti accendere,
ènghise na kào lumèra dovetti accendere il fuoco
pùrke na termàno. per riscaldarmi.
E' me rikordèse? Non ti ricordi di me?
Mòtti mu fìrmefse ti karta Quando.. Mi firmasti la carta,
i cìni, ka esù eghènese rìkko, la cosa, che tu saresti diventato ricco,
però enna mu dòi ti fsikhì? però mi avresti dato l'anima?
Ah, già àrte stè ce me rikordèo, ìpe. Ah già, adesso mi sto ricordando disse.
Però, ìpe, evò purù s'ùpa, s'òvala a pàtto. Però, disse, anch'io ti dissi, ti misi un patto.
Ce ti m'òvale esù?, ìpe, su emm'òvale ... ... E cosa mi hai messo tu, disse, tu non mi hai messo ...
Si, ìpa evò: ma esù enna me vvertèfsi! Si, (ti) dissi io: ma tu mi devi avvertire!
Eh, ìpe ka mòtti estàsi fiàkko Eh, disse, che quando sei stato male
en e' avvertimènto? non era un avvertimento?
Mòtti matapàle estàsi fiàkko n'àddho spirì Quando nuovamente sei stato male un altro poco
plèo ka ìkhe ti polmonìta, più (del fatto) che hai avuto la polmonite,
ce depòi èpese apà sto àrgulo, e poi sei caduto da sopra l'albero,
èpese ... ce s'òkama ... sei caduto ... e ti feci ...
plèo avvertimènto ka tòa? più avvertimento di allora?
Ekhi dìgghio, ìpe cìo. Hai ragione disse lui (il contadino).
Beh, epàme allòra! Beh, andiamo allora!
Tòsso na vàlo o giàkko. Tanto che metta la giacca.
Epìrte èbbike o giàkko Andò prese la giacca
ce pìrtane ston anfièrno. e andarono all'inferno.
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com