Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Pascali: Evò ikha na cratèso ta pedìa
Ce depòi mòtti (ìkhamo),E poi quando (avevamo)
ìbbiona evò sti skòla, io andavo a scuola,
ìkha na kratèso ta pedìa ta kèccia, dovevo accudire i figli piccoli,
cia ka ìa plèo kèccia ka mèa, de! quelli che erano più piccoli di me, no!
O Ròcco, ... Rocco, ...
O Ròcco e Ssunta Marina, o Mèdeco, Rocco, Assunta Marina, Medico,
cìu us kràtesa evò. quelli gli ho accuditi io.
Ena, mìa forà m'òpese, Uno, una volta mi cadde,
m'òpese, mi cadde,
menu-màle ka en èkame tìpoti. meno male che non fece niente.
Emù kurùddhise Mi rotolò
ce tòsson èpese, de! e tanto mi cadde, no!
Allòra depòi ègglafse a spìri, Allora poi pianse un poco,
depòi stàsi cìtto, poi stette zitto,
vuol dire ka en èkame tìpoti; si vede che non fece niente;
motti klèune ta pedàcia e' kànnun tìpoti, quando i bambini piangono non si sono fatti niente,
mòtti e' klèune makàta e' perikulùsa. quando non piangono per niente è pericoloso.
Depòi, depòi evò ekràtenna pànta ta pedàcia, Poi, poi io accudivo sempre i figlioletti,
a pedàcia ta kèccia, de!, a pedìa ta kèccia, i figlioletti piccoli, no!, i figli piccoli,
adrèffia-mu. i miei fratelli.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com