Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: La discesa di Cristo negli inferi
La discesa di Cristo negli inferiVoce: Antonio Costa

Ti recàtesce?

Che cosa è avvenuto?
Simberi panu stin ghi 'e'milì tinò, Oggi sulla terra c'è grande silenzio,
mali afonìa ce manechìa. grande silenzio e solitudine.

Mali afonìa jatì o Ria ste ce plònni:

Grande silenzio perché il Re dorme:
i ghì dàmase ce mùttizi jatì o Theò, la terra è rimasta sbigottita e tace perché il Dio
pu ìche ghiurìsonta crea, fatto carne si è addormentato
èbbike inno ce asciùnnise cinu e ha svegliato
pu apù macrèo cerò plònnane. coloro che da secoli dormivano.

O Theò apèsane sto crea

Dio è morto nella carne
ce accatèvike na tinàssi ti' vasilìa tu catucòsmu. ed è sceso a scuotere il regno degli inferi.

J’alìssia Cino ste pai na vrìki to' protinò ciùri,

Certo egli va a cercare il primo padre,
san ti pratinèddha chamèni. come la pecorella smarrita.

Cino thèli n'accatevì n'anazitèsci

Egli vuole scendere a visitare
cinu pu caìzune sta scotinà quelli che siedono nelle tenebre
ce ston àscio tu thanàtu. e nell'ombra di morte.

O Theò me to pedi-ttu pàne na scecombòsune

Dio e il Figlio suo vanno a liberare
atta patìmata ton Adamo ce tin Eva dalle sofferenze Adamo ed Eva
pu vrìscutte carcerài. che si trovano in prigione.

O Christò mbìke ecì fèrnonta

Il Signore entrò da loro portando
ta docserà àrmata tu stavrù. le armi vittoriose della croce.

Satti o Adamo, o palèo propàppo, ton ìde,

Appena Adamo, il progenitore, lo vide,
zaftònta to' petto jà ti' tamasìa, percuotendosi il petto per la meraviglia,
fònase is alò ce ìpe: gridò a tutti e disse:

"Nâne ma òlu' o Kìrio-mmu".

"Sia con tutti il mio Signore ".
Ce o Christò apantìzonta tûpe: E Cristo rispondendo disse ad Adamo:
"ce me to fìsima-ssu" "E con il tuo spirito".
ce, piacontà-o attì' chèra to' tìnasse lèonta: E, presolo per mano, lo scosse, dicendo:
"asciùnniso, esù pu plonni , "Svegliati, tu che dormi,
ce èggua attus pesammènu e risorgi dai morti,
ce o Christò se flumìzi. e Cristo ti illuminerà.

Ivò ìme o Theò- ssu,

Io sono il tuo Dio,
pu jà sena jèttimo pedì dicò-ssu; che per te sono diventato tuo figlio;
jatì, jà sena ce jà tutu, che per te e per questi,
pu ascè sena eghennìsisa, che da te hanno avuto origine,
arte milò ce, sto sosì- mu, cumandèo ora parlo e nella mia potenza ordino

cinò pu stèane carcerài: egguàte!

a coloro che erano in carcere: Uscite!
Cinò pu stèane stes scotinìe: "na ìsesta lustrài! A coloro che erano nelle tenebre: Siate illuminati!
Cinò pu ìchane pesànonta: scosìte! A coloro che erano morti: Risorgete!
‘S esèna cumandèo: asciùnniso, Esù pu plonni! A te comando: Svegliati, tu che dormi!

jatì 'e' s'èplasa na mini demèno sto'catucòsmo.

Infatti non ti ho creato perché rimanessi prigioniero nell'inferno.
Anàstiso attùs pesammènu. Risorgi dai morti.
Ìvò ìme i zoì tos pesammèno. Io sono la vita dei morti.
Anàstiso, prama plammèno àtta chèrria-mu! Risorgi, opera delle mie mani!
Anàstiso icona-mu plammèni cùndu Emèna! Risorgi mia effige, fatta a mia immagine!
Anàstiso, guènnome aputtù! Risorgi, usciamo da qui!

Oli ce diu antàma vastùme

Tu in me e io in te siamo
ena manechò ce amerammèno jènimma. infatti un'unica e indivisa natura.

Jà sena Ivò, Theò dico-ssu, jèttimo pedì -ssu.

Per te io, tuo Dio, mi sono fatto tuo figlio.
Jà sena Ìvò, o Kìrio, èndisa tin noisìa-ssu ascè dulo. Per te io, il Signore, ho rivestito la tua natura di servo.
Jà sena Ìvò pu cajzo pleon apanu attès anghère Per te, io che sto al disopra dei cieli,
accatèvica stin ghi ce pleon acau atti' ghi. sono venuto sulla terra e al di sotto della terra.
Jà sena àntropo, èbbica mira stin antròpini adinamìa, Per te uomo ho condiviso la debolezza umana,
ma depoi jèttimo lìbbero mes tos pesammèno. ma poi son diventato libero tra i morti.
Jà sena, pu ègguike attòn cipo tu ghiostù paraìsu, Per te, che sei uscito dal giardino del paradiso terrestre,
ìrta tradimmèno is ena cipo sono stato tradito in un giardino
ce pulimmèno sta chèrria tos Giudeo, e dato in mano ai Giudei,
ce is ena cipo mu stavròsane. e in un giardino sono stato messo in croce.

Kanònison panu sto soma-mmu

Guarda sulla mia faccia
ta ttìmata pu mu mbelùsane jà sena, gli sputi che io ricevetti per te,
na se soso pari mapàle is itton protinò fìsimo tis zoì. per poterti restituire a quel primo soffio vitale.
Kanònison tus tàfaru panu stes garze-mmu, Guarda sulle mie guance gli schiaffi,
fortomènu na soso cai, sopportati per rifare,
cundu tin icòna-mu, a mia immagine,
tin diki-ssu chamèni oriàta. la tua bellezza perduta.
Kanònison sti' plai-mmu ti' flagellazìuna Guarda sul mio dorso la flagellazione
pu pàtescia na liberèscio tus nomu-ssu subita per liberare le tue spalle
attò varì tos amartìo-ssu. dal peso dei tuoi peccati.
Kanònison ta chèrria-mu Guarda le mie mani
tripimmèna apà sto' scilo jà sena, inchiodate al legno per te,
pu, ascima, mia forà ìche macrìnonta, che un tempo avevi malamente
tin chèra-ssu stin milèa tis zoì. allungato la tua mano all'albero.

Pèsana panu sto' stavrò

Morì sulla croce
ce to' lancùno trìpise to' plegrò- mmu, e la lancia penetrò nel mio costato
jà sena pu se pire inno sto' parajso per te che ti addormentasti nel paradiso
ce ècame nâggui tin Eva attò plègro ssu. e facesti uscire Eva dal tuo fianco.

O plègro-mmu èjane to' pono tu plègro ssu.

Il mio costato sanò il dolore del tuo fianco
O inno- mu è na se liberèsci atto ìnno tu anfièrnu. Il mio sonno ti libererà dal sonno dell'inferno.
O lancùno-mu cràtese La mia lancia trattenne
to' lancùno pu su ìchane sìronta. la lancia che si era rivolta contro di te.

Àsca, pame apode aputtù.

Sorgi, allontaniamoci di qui.
O demòni sêcame nâggui atto' cipo tu parajsu. Il nemico ti fece uscire dalla terra del paradiso.
Ivò nvece 'e' se vàddho pleo is ìtto cipo, Io invece non ti rimetto più in quel giardino,
ma s'ascònno stin vasilìa mu. ma ti colloco sul trono celeste.

Sûrte mpedomena na nghìsi to' noimammèno àrgulo tis zoì,

Ti fu proibito di toccare la pianta simbolica della vita,
ma Ivò, pu ìme i zoì, su faneròno ciò pu ìme. ma io, che sono la vita, ti comunico quello che sono.

Èvala kerubìnu na se cratèsune san isan duli,

Ho posto dei cherubini che come servi ti custodissero.
arte canno na se proskìsune isa isa san Theò, Ora faccio si che i cherubini ti adorino quasi come Dio,
puru ti 'en ìse Theò. anche se non sei Dio.

I vasilìa tos anghèro ìne stiammeni,

Il trono celeste è pronto,
stus cumàndu stene i duli, pronti e agli ordini sono i portatori,
i sala è parài, la sala è allestita,
to fai panu sti' banca, la mensa apparecchiata,
i athànati vasilìa stiammeni, l'eterna dimora è addobbata,
e casce crusafìu anittè. i forzieri aperti.

Me àddha lòja,

In altre parole,
ste ce se meni, attu cerù tu cerù, è preparato per te dai secoli eterni
i vasilìa tos anghèro. il regno dei cieli".

Apò mia palèa omilia ja to Mea Samba

Da una antica omelia per il Sabato Santo
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com