Rize Grike
Coniugazione dei verbi
Tetradi 2 Decembrýu 2020

Indicazioni per la coniugazione dei verbi:
vedere note in calce.

Inserire il verbo
Attiva:
Passiva:
Media:
Verbo:
Modo Indicativo
Presente
ev˛nfaccŔome
es¨nfaccŔese(s)
cinonfaccŔete
emýnfacceomŔsta
esinfacceesŔsta
cininfaccŔutte


Aoristo (passato prossimo e remoto)

ev˛ nfaccŔftimo
es¨nfaccŔfti
cinonfaccŔfti
emýnfacceftim˛sto
esinfacceftis˛sto
cininfaccŔftisa
Imperfetto
ev˛nfaccŔamo
es¨nfaccŔaso
cinonfaccŔato
emýnfacceam˛sto
esinfacceas˛sto
cininfaccŔatto


Trapassato

ev˛ýkha nfacceft˛nta
es¨ýkhe(s) nfacceft˛nta
cinoýkhe nfacceft˛nta
emýýkhamo nfacceft˛nta
esiýkhato nfacceft˛nta
ciniýkhane nfacceft˛nta
Modo Congiuntivo

Presente

nanfacceft˛ ev˛
nanfacceftý es¨
nanfacceftý cino
nanfacceft¨me emý
nanfacceftýte - ¨te esi
nanfacceft¨ne cini


Trapassato

kaev˛ ýkha nfacceft˛nta
kaes¨ ýkhe(s) nfacceft˛nta
na ýkhe nfacceft˛nta cino
na ýkhamo nfacceft˛nta emý
na ýkhato nfacceft˛nta esi
na ýkhane nfacceft˛nta cini



Imerfetto

ka ev˛nfaccŔamo
ka es¨nfaccŔaso
ka cinonfaccŔato
ka emýnfacceam˛sto
ka esinfacceas˛sto
ka cininfaccŔatto


Passato

ka ev˛ nfaccŔftimo
ka es¨nfaccŔfti
ka cino nfaccŔfti
ka emýnfacceftim˛sto
ka esinfacceftis˛sto
ka cini nfacceftisa


Modo Condizionale
Imperativo

Presente

ev˛nfaccŔamo
es¨nfaccŔaso
cinonfaccŔato
emýnfacceam˛sto
esinfacceas˛sto
cininfaccŔatto


Passato

ev˛ýkha nfacceft˛nta
es¨ýkhe(s) nfacceft˛nta
cinoýkhe nfacceft˛nta
emýýkhamo nfacceft˛nta
esiýkhato nfacceft˛nta
ciniýkhane nfacceft˛nta



Presente

nfaccŔftu
nfacceftý
nfacceomŔsta
nfacceftýtesta - ¨testa - ýte
nfacceft¨ne


Gerundio
Presente
passato
nfacceft˛nta
Participio
nfaccÓ(t)o
Perfetto (passato prossimo)
m'ýme nfaccÓta
infinito
nfacceftý

Anche se in tabella di norma non Ŕ indicato, si tenga presente che nel medio-pasassivo Ŕ di uso frequente l'aumento nel presente ed in misura maggiore nell'imperfetto e nell'aoristo: enfaccŔome - enfaccŔamo - enfaccŔftimo.

La flessione mediopassiva traduce la "forma riflessiva", la "forma passiva", la "forma impersonale" ed in alcuni casi la "forma attiva".

La forma riflessiva usa soltanto questa flessione.

La forma impersonale , usata soltanto nelle terze persone:
- elŔete = si dice;
- ecý etr˛ato calÓ = lÓ si mangiava bene;
- emÓsi prŔsta = si apprese presto.
a volte Ŕ sostituita dalla terza persona plurale della coniugazione attiva:
- elŔne = dicono;
- o mmÓsane prŔsta = lo appresero presto.

Per la forma passiva, pur potendo essere espressa con flessione medio-pasiva,
generalmente si ricorre a forme combinate del verbo ýme (essere) o Ŕrkome (venire) col participio perfetto,
oppure ricomponendo la frase in modo attivo:
- Iu ec¨ese apu martÓna = cosý vieni sentito (fin) da Martano;
- epulýsti sto nimýco = si vendette al nemico (rifl.);
- cýtto spýti epulýsti = quella casa Ŕ stata venduta.
- "EgrÓfti sti sc˛la" pu˛ tradurre sia:
- si Ŕ iscritto a scuola,
che:
- Ŕ stato iscritto a scuola",
ma in questo caso la forma passiva Ŕ comunemente resa con:
- ýrte grammŔno sti scola = fu (venne) iscritto a scuola,
oppure, in forma attiva:
- o grÓfsane sti scola = lo scrissero a scuola".
La stessa cosa dicasi degli esempi seguenti:
- ýkha mpos˛nta = ero stato spinto; (S 16)
- utto panný efan˛si poddhý cer˛n ampý = questa stoffa fu tessuta molto tempo fa. (S 177)

Alcuni verbi hanno forma medio-passiva in grico e forma attiva in italiano, es.: ghŔnome;
alcuni altri, in grico, in parte sono coniugati con la forma attiva ed in parte con la forma medio-passiva, es.: stŔo.

Avvertenza:
qui viene presentata la forma medio - passiva a prescindere dal modo in cui essa viene usata (riflessiva, impersonale, passiva) ed anche a prescindere dal significato del verbo italiano (qualora ne avesse pi¨ di uno). Nel passato prossimo, tranne pochi casi, viene proposta la forma passiva.

2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com