Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Samba 4 Alonarìu 2020
Indicazioni:
Vedere note in calce.
Pascali: E Vangelìsti ìane tèssari
U dikì-ssu!I tuoi!
attu dikì-mmu? Dei miei?
Eh! Eh!
O nànni atto ciùri-ssu! Il nonno dalla parte di tuo padre.
Ahh! Ah!
Evò mòtti ìbbie es ti kàccia, Io quando andava a caccia,
ma cìo ìbbione, con lui andavo.
en e' kka ìbbion m’us àddhu, Non è che andavo con gli altri,
ecìo ìone o kacciatùri. lui era il cacciatore.
Addhu [...] en ìkhe kacciatùri. Altri cacciatori non c'erano.
Dègghe, tùo o fsèro. No, questo lo so.
Eh! Eh!
Pos fonàzato o nànni-ssu? Come chiamavate vostro nonno?
Nànni! Nonno!
Nanni,o nòma! Nonno,il nome!
Nànni Pavlò ìgue. Nonno Paolo si chiamava.
Nànni Pàvlo. Nonno paolo.
Si. si.
Ce cìo ìone, ìone Ed egli era, era
o nànni ka ìone sakùndu mà, de, Il nonno che era come noi(stesso cognome) no!
De Pascalis, de! De Pascalis, no!
De Pascalis. De Pascalis.
Ce depòi e nànna ìone Guglièlmo. E poi la nonna era (aveva cognome) Guglielmo.
Guglielmo? Guglielmo?
Pos ìggue cìni, pos ìone? Come si chiamava quella?
Cìni ìone … Quella era (faceva di cognome) ...
Mìno na rikorderttò. Aspetta che mi ricordi.
Iu ène? Così e?
Cìo pu stèi ampì sti a' Lucìa, Quello che abita dietro al rione di Santa Lucia
pu mìa forà ìone o grambò che una volta era il genero
cinù pu èkhi sikarètte, di quello che ha le sigarette,
pu pùli sikarètte ecì mes ti mèsi. che vendeva sigarette lì in mezzo alla (in )piazza.
Mènzasòrta ìone cìo, Chiriàtti! Mezzasorta era quello, Chiriatti!
Nde, ti Menzasòrta, Menzasòrta! No!, che Mezzasorta, Mezzasorta!
Cìo ìo Còglia! Egli era Coglia!
Còglia ìone e nànna-mu! Coglia era mia nonna!
Ce en efsèro o Còglia. E non conosco Coglia.
[e va bene!] E nànna-mu ìo Còglia! E va bene! Mia nonna era Coglia!
Còglia. Coglia.
Oh! Oh!
Ce cini, E quelli,
ma mu fènete ka su t'ùkha pònta, mi sembra che te l'avessi detto,
ìo poddhì, erano molto,
ìo poddhì kattòlici òli ce dìo. erano molto cattolici entrambi.
Cìo èkanne prèdike, Lui faceva delle prediche
sènza na fsèri na gràfsi, senza saper scrivere,
sènza na fsèri na meltìsi senza saper leggere,
ìggue sulamènte es prèdike, ascoltava soltanto le prediche
ce già es ìfsere memòria, e già le conosceva a memoria,
kalè es ìfsere. le sapeva bene.
O Pàvlo. Paolo.
O Pàvlo. Paolo.
Ekko jakài ìkhamo o Pàvlo, on dikò-ssu. Ecco perché avevamo in famiglia il tuo (padre)Paolo
Vìto Pàvlo anzi o dikò-ssu ìone. Vito Paolo anzi era(si chiamava) il tuo.
Vìto Pàvlo eh! Vito Paolo.
Ce cìo pùru ìon Vìto Pàvlo. Ed anche egli era Vito Paolo.
Ekko. Ecco.
Ce o pedì pùru. Ed il figlio anche.
Cio depòi ebbùskefse, Egli poi racimolava,
mòtti èkanne prèdike, ùso quando faceva le prediche, questo
o nànni-mu, mio nonno,
eh èkanne, Eh, faceva,
u dìane pràmata, e' ttu dìa ssòrdu, gli davano delle cose, non gli davano soldi
u dìane, u dìan na fài, depòi u dìa kanèa pràma. gli davano da mangiare, poi gli davano qualcosa.
Mia forà u dòkane tèssara quàdri, kalà, Una volta gli diedero quattro quadri, buoni (di valore),
ka ìkhane cìni, Che possedevano loro,
ka depòi t'àbbike o ciùri-ssu Che poi li prese tuo padre,
ka t'àfere ecì èssu-su mòtti ermàsti. li portò a casa sua quando si sposò.
Mòtti ermàsti. Quando si sposò.
Ma depòi ti èkame cìo ma cìa. Ma poi non si sa cosa fece con essi?
T'àvale ... Li mise ...
T'akhi? Ci sono ancora?
In aderfì-mmu en efsèro t'èkame, ma ... Mia sorella non so cosa abbia fatto, ma ..
Efsèro ka en efsèri, ka ... So che non lo sai, che ...
Alìo cerò ampì us ìkhe deh! (fino a)Poco tempo fa c'erano!
Us ìkhe? C'erano?
Però emànke an mangialìsta, Però mancava un evangelista,
ka cìa evàngelìsti ìone che quelli gli evangelisti rappresentavano,
ce cìa o Pènsa u ta ìkhe dòkonta, e quelli Pensa glieli aveva donati,
o Vangèlìsta. Evangelista.
O nànni, o ciùri tunù pu fsèrome emì Il nonno, il padre di quello che conosciamo noi,
ìggue Evangelìsta, Evagelìsta ìggue si chiamava Evangelista si chiamava.
ce cìo ìkhe us vangelìstu e lui possedeva gli evangelisti
ce t'ùkha dòkonta a quàdri cinù. e avevano dato i quadri a lui (il nonno).
O ciùri-ssu, o Pàvlo, depòi Tuo padre Paolo poi,
o ciùri-ssu … tuo padre ...
Ekhàsisa a quàdri, ekhàsisa a quadri, Si son perduti i quadri, si son perduti i quadri,
meh a t'àkhi piànta o Pavlo. me! gli ha presi Paolo!
U fànisa kalà, t'àbbike o Pàvlo Gli parvero buoni, li prese
ce ta pìre ecì, ta krèmase! li portò lì (a casa sua) e gli appese!
[...] [...]
Ikhe trìa. C'erano tre.
Trìa ìkhe, emànke èna. Tre c'erano, mancava uno.
Jatì apà sto krovàtti ìkhe Perché sul letto c'era (appeso)
èna plèo makrèo. uno più lungo.
Si, si. Si, si.
Ndè, trìa ìkhe en ìkhe tèssara, No, tre c'erano, non c'erano quattro,
jakài e vangèlisti perché gli evangelisti
tèssari ìone. erano quattro,
Ma ìkhe trìa. ma c'erano tre (quadri).
Ikhe trìa. C'erano tre.
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com