Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Nina: Fsekhorisò-mmu
Insomma, e' telùsane n'armastìte!Insomma, non volevano che vi sposaste!
Isele panta o konsènzo cinò. Volevi sempre il loro consenso.
Cìni evotìsan m'ittin manèra quelli si girarono con quelle maniere
ce allòra ènghise depòi n'i piàme ankùrtu e allora ci tocco farla breve
ka depòi pìrtamon apòde. e scappare via.
Arte a' ce àmba ec'èssu plèo, Adesso vai ad entrare più dentro casa,
na ghiurìsome. ritornare (in casa della fidanzata).
Dopu dio vràddia Dopo due sere
eghiùrisa evò: ritornai io:
tu, tu, "ce permessu?". toc, toc, "c'è permesso?".
"Tis ène?", ipe e pettera-mu. "Chi è?", disse mia suocera.
Ipa evò: "o Nardùccio". Dissi io: "Leonardo".
"En eì permèsso ja tinò!". "Non c'è permesso per nessuno!".
Bonasera, c'e pirtamo apode. Buonasera e siamo andati via
Dopu tèssera vràddia, "ma!", ìpe e màna-mu, Dopo quattro sere, ma!, disse mia madre,
"arte èrkome evò na dume po' ti [lène]". adesso vengo io per vedere cosa dicono.
Epìrtamo. Andammo.
Epìrte cini, etùzzefse cìni. Andò quella, busso quella.
Ipe: tu, tu. Ipe: toc, toc.
"Tis ene?". "Chi è?".
"E koncètta ìme", ìpe e màna-mu. "Concetta sono", rispose mia madre".
"Ce ma tio' pài?", "E con chi vai?"
ipe cini pu cessu. disse quella da dentro.
"Be", ipe cini, "manekhì-mmu e' pao". "Be", rispose quella, "da sola non vado".
[ ... ] "epào es kumpagnia". [ ..] "vado in compagnia".
"Epào es kumpagnia". "Vado in compagnia".
Irte, Irte,
- cìni ìkha èmbonta sto grovàtti - - lei era entrata a letto (si era coricata) -
i bonànima tu ciurù-tu la buonanima di suo padre
ìrte, mas ènifse. venne, ci aprì.
Embìka evò o protinò, Entrai io per primo,
on embràzzosa, o fìlisa, lo abbracciai, lo baciai
"fsekhorisò-mma", "perdonaci",
depòi epìrta sti' màna-tti poi andai da sua madre
ce pùru ìpa fsekhorisò-mma, meh, ed anche (a lei) chiesi "perdono".
ka cìni già emba sto grovàtti. Ella sta va già nel letto.
Depòi embìke tùi ce e màna-mu Poi entro questa e mia madre,
ce ... Cìo m'ùpe na sa fsekhorìsi o khristò, e ... Lui a me disse "che vi perdoni Cristo",
mòtti tùi efìlise cìo, quando questa lo baciò,
na pu tin efsekhorìsi pùru cìo, affinché lui perdonasse anche lei,
is ìpe o stèsso. le disse la stesa cosa.
Mòtti pìrte sti màna-tti ka ìstinne Quando andò da sua madre che stava
apà sto grovàtti, nel letto,
- gìa ìkhe èmbonta sto grovàtti na plòsi - - che già era entrata nel letto per dormire -
anvèce n'in efsekhorìsi invece di perdonarla
in èbbike a' sta maddhìa, allòra! la prese per capelli, allora!
Ipa evò: Dissi io:
"[...] evò ettòssu en ìrta na kào kòrpu, "Sangue de quai! Io qui dentro non sono venuto per fare a botte,
na kàmo mazzàe, ìrta na mas efsekhorìsete! per dare mazzate, sono venuto per farci perdonati!
A' tèlete na sas (mas) fsekhorùte, Se volete che vi (ci) perdoniate,
sandè piànnome i stràda ce pàme apòde!". altrimenti prendiamo la strada e andiamo via!".
Depòi ecì, e màna-mu, mapàle, E poi mia madre nuovamente
vàscia vàscia depòi piano, piano poi,
i piàkamo [...] a spirì ìu, ma la prendemmo un poco così, ma
Ekarmètti. Si calmò.
Ekarmètti. Si calmò.
Ediavìkamo, insòmma, però ... Le abbiamo passate, insomma, però ...
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com