Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Nina: Cinereddha ce Vaìa
Ce emère pos es fonàzate, pos fonàzzatto,E i giorni come li chiamavate, come si chiamavano
e ciuriacè, e ciuriacè fse Quarèsima le domeniche, le domeniche di Quaresima.
Quarèsima! Quaresima!
Quarèsima? Quaresima?
Ta vaìa? Le Palme?
Ta Vaìa ìane e ciuriacì prìma tu Pàska. Le Palme erano la domenica prima di Pasqua.
Ce en ìne Quarèsima ankòra? E non è Quaresima ancora?
Si, si, òli ... Si, si, tutte ...
Dòpu spiccean ta Karnivàja ìkhe ... Dopo finito carnevale c'erano ...
E quarèsima pròbbio … La Quaresima proprio ...
… Cinereddha. ... le Ceneri.
E Quarèsima pròbbio espicce … La Quaresima finiva proprio ...
Attin ùrtimi ciuriacì atta karnivàja Dall'ultima domenica di carnevale
enzìgne e Quarèsima cominciava la Quaresima,
attin deftèra dòpu i ciuriacì dal lunedì dopo la domenica.
ka depòi elèane ka j'u zòppu Dicevano anche che per i zoppi
o kanèa ka ìstine làrga o per qualcuno che stava lontano,
sikkomu ka tòa elèane: poiché allora dicevano:
a karnivàja [cu li toi] Carnevale con i tuoi e..
Paska [cu ci te trovi]. e Pasqua con chi ti trovi.
Karnivàja m'u dikùssu ... Carnevale con i tuoi è ...
m'u dikùssu ce u paska Con i tuoi e a Pasqua
ma tion evrìskaso. con chi ti trovavi.
Allora evàlane pùru in dettèra ce i trìti Quindi aggiunsero anche il lunedì ed il martedì,
andè e quarèsima ncignà altrimenti la Quaresima inizia
atti ciuriacì ka spiccèu ta karnivàja. dalla domenica che finisce carnevale.
Ce ròsti i o pornò tu pàska e' pànta Quarèsima. E fino alla domenica di pasqua è sempre Quaresima
Ene ètta addomàe de? Sono sette settimane, no?
Ettà addomàe, si Sette settimane, si
Ettà addomàe! Sette settimane!
Ettà addomàe ène probbio e Quarèsima komplèta. Sette settimane sono proprio la Quaresima completa
[Solo] ka mankèu cìse dio ghiurnàe Solo che quelle due giornate
ta fìkane elène, a fìkane j'u zòppu, le lasciarono, dicono, le lasciarono per gli zoppi,
cìni ka stàzane m'on ùrtimo viàggio. quelli che arrivavano con l'ultimo viaggio
Na kàne a karnivàja ma ... m'u dikù-ssu, si. per fare carnevale con i loro familiari, si.
Artena anzi è kangiào, elene: Adesso anzi è cambiato, si dice:
U kristù m'u dikù-ssu Natale con i tuoi
ce pàska ma tion evrìskese, e pasqua con chi ti trovi,
invèce tòa elèane: invece allora dicevano:
a karnivàja m'u ddikùssu Carnevale con i tuoi
ce Paska depòi ma tion evrìskaso. e Pasqua poi con chi ti trovavi.
Ius ìane e mòda apo tòa. Così era la moda di allora.
I Sarakostì ti ène i Sarakostì? "I Saracostì" cosa è " i Saracostì"?
Sarakostì ìane e Quarèsima! "Saracostì" è la Quaresima.
E quarèsima! La Quaresima!
Emì àrtena elème Quarèsima, ka sandè Noi adesso diciamo "Quaresima" altrimenti
elèamo: mbìke Sarakostì, dicevamo: è entrata "Saracostì".
spiccèfsamo fse fài kalà. abbiamo finito di mangiar bene!
E' sòzi prèfsi mànku an agguò! Non si poteva assaggiare neanche un uovo!
An estasìs àdinato pròbbio Se stavi proprio ammalato
ce stè ce pesèni fòrzi, fòrzi ... e stavi per morire forse, forse ...
pùru o messère enna s'òle ed anche il medico doveva dire
dòsto a morzo [brodo], dategli un po' di brodo,
ma sandè e' t'òpre tinò altrimenti non lo assaggiava nessuno
'to pràma ttu ja'n oli tin Sarakostì. tutto ciò per tutta la Quaresima.
Sarakostì ene e Quarèsima. "Saracostì è la Quaresima.
Oli e Quarèsima. Tutta la Quaresima.
depòi ti stàzi?, Poi cosa viene?,
evò en efsèro ... io non so ...
estàze? O Pàska! Arrivava? Pasqua!
O pàska? Pasqua?
Ce cìe ka lène "e Cèneri"? E quella che chiamavano "Ceneri"?
E Cèneri ìane sti teddràti Le Ceneri venivano il mercoledì.
Iane teddràti dòpu i trìdi Venivano il mercoledì dopo il martedì
atta karnivàja, atta karnivàja. di Carnevale, di carnevale.
Urtimi ciuriacì fse karnivàja. Ultima domenica di carnevale
Pùru cìni es kànnune ... Anche loro le fanno [tra sacerdoti]
Depoi [i] dettèra, i dettèra Poi il lunedì.. il lunedì
ce i trìdi, sti teddrati depòi ène ed il martedì, al mercoledì poi è
e Cinerèddha, ka ène àrtena ci pu lène [le Ceneri]. la "Cinereddha" che adesso son chiamate "Ceneri".
ka s'ovaddhè o patèra ... Il prete ti metteva ...
Iane o princìpio atti Sarakostì, Era l'inizio della Quaresima,
o princìpio. l'inizio.
Tìspu ìbbie stin agglisìa ttin emèra, [A] chi andava in chiesa quel giorno,
fse tetràdi dòpu a karnivàja, di mercoledì dopo Carnevale,
o patèra s'òvaddhe stàtti apà sti ciofàli il prete metteva cenere sulla testa
ka s'òle "polvere siei e polvere diventerai". e diceva: polvere sei e polvere diventerai.
ce cìni ti stàtti elène, evò e' tin ìme domèna mài, E quella cenere dicono, io non l'ho visto mai,
ka ecène dìo vaìa atto khròno prìma, che bruciano due palme dell'anno precedente
ce nònnan ti stàtti, ce nònnan ti statti e raccoglievano la cenere, e raccoglievano la cenere,
ce depòi in usèane in èmera ka kànnne ... e dopo la usavano il giorno che facevano ...
Pùru cìni e patèri in vàddhane. Anche tra di loro i preti se la mettevano.
Depòi embènnamo embènnamon emì Poi entravamo noi
ce mas ti vvàddhane mia pizzikàta stàtti. e ci mettevano un pizzico di cenere.
Ma pùru àrtena ankòra o kànnune cìtto pràma. Ma anche adesso ancora la fanno quella cosa.
[] àrtena to kànnune. [Anche] adesso lo fanno.
Allòra, Cèneri, Vaìa ce màli addomàta? Allora, Ceneri, Palme e Settimana Santa?
Màli addomàta ìane atta Vaìa ros tu Pàska: Settimana santa era dalle Palme fino a pasqua:
Màli dettèra, màli trìti, màli ttetràti, lunedì santo, martedì santo, mercoledì santo
màli pètti, màli prassaì, mèa sàmba, giovedì santo, venerdì santo, sabato santo,
Pàska! Pàska. Pasqua! Pasqua.
Diavènnonta o Pàska, àrte ti lèu "pasquètta", Passando Pasqua.. adesso la chiamano Pasquetta,
toà en èkho stennù, àrte pos tin lèane. allora, non lo ricordo, adesso come dicevano.
Pos tin lèane eh!, Come la chiamavano eh!
katarin, "Catarin,
kasarìn dettèra! kasarìn dettèra. Casarin dettèra?"
Oli ti addomàta dòpu Pàska Lunedì mondato, Pasquetta
ìan kasarìn dettèra, kasarìn trìti, kasarìn teddràti, Tutta la settimana dopo Pasqua..
ros tin àddhi ciuriacì, erano Lunedì mondato, martedì mondato, ...
depòi espìcce tikanè. fino all'altra domenica,
Quàsi quàsi ka depòi tròan pànta kalà depòi. poi terminava tutto.
Olo cìo pu ... Quasi quasi che dopo si mangiava sempre bene dopo.
ìkha khàsonta, Tutto ciò
ka en ìkha fànta sto ccerò ti Quarèsima! che si era perduto,
Sarakostì, o tròane ja tin addomàta, che non si era mangiato nel periodo di Quaresima!
depòi tròan pànta kalà: kanèa aguò, Quaresima, lo mangiavano per la settimana,
spirì tirì, ekànnane dìo makkarrùnu mangiavano sempre bene: qualche uovo
plèo fìssa, insòmma ... un poco di formaggio, si facevano due maccheroni
An ìsele na fài krèa, an ìkhe ssòrdu ... più spesso, insomma ...
Etrattèato, depòi, a spirì kàddhio. Se volevi mangiare carne se avevi i soldi [la potevi mangiare].
Sti Sarakostì su guènnane na pài karcerào Ci si trattava, poi, un po' meglio.
a èddre to krèa. Durante la Quaresima era come essere condannato al carcere
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com